Questione di #Reti: il paradigma della lobby 2.0

Massimo Micucci, Senior Consultant, QuickTop-Reti – guida il rush finale della XXVII edizione del corso “Comunicazione, lobby e politica” con la lezione lobby 2.0: l’utilizzo dei social network per creare consenso.

Dopo una breve cronistoria di Reti ed una attenta ricostruzione del quadro politico del Paese (dalla ‘verticalità’ degli anni ’70 ad oggi – ripercorrendo la crisi ‘post-tangentopoli’ del ’93) si è passati alle reti, quelle che hanno fatto la storia. Le rotte navali prima e quelle stradali poi, la capillarità della rete elettrica ieri e le tecnologie dell’informazione (ICT) oggi: tutti validi esempi di quanto il “potere” non abbia un centro.

Ecco, allora, che si formano le nuove reti, si espande il ‘mondo social’ e si deve necessariamente elaborare un nuovo modo di fare politica e di creare consenso. Su un piano più generale, la comunicazione comincia a porsi il problema di valorizzare la cultura partecipativa e di raggiungere direttamente i networked publics, spesso aggirando il potere di interposizione dei media tradizionali. Chiamatela, se volete, disintermediazione.

E se, da un lato, la comunicazione politica (in particolare con il governo Renzi) sta imparando a decodificare e utilizzare il nuovo ecosistema mediale,  fortemente integrato e convergente, il ruolo che questo nuovo ecosistema ha nella costruzione delle idee della politica e della partecipazione politica da parte dei cittadini risulta ancora poco chiaro e mascherato da troppe contraddizioni.

Di queste contraddizioni, Massimo Micucci, ne ha evidenziate non poche: dalla crescente disaffezione dell’opinione pubblica rispetto alle tesi della comunità scientifica, alla necessità di creare specifici “comitati del no” che si occupino di contrastare progetti inesistenti (v. shale gas).

La lezione si è conclusa, al netto dell’ampio spazio di riflessione comune, con l’analisi di specifici rapporti di settore e dei così detti social indicators, del resto: «ognuno di noi è un media».

Andrea Cara 

Condividi:

Dal 2001 Running elabora progetti di formazione rivolti al mondo della politica, delle Istituzioni nazionali e locali, delle associazioni di categoria e delle aziende.

scopri l'academy